digiuno intermittente

Digiuno intermittente… ne vale la pena?

Il digiuno intermittente è solo una moda passeggera o ne vale davvero la pena?

C'è un argomento che è diventato più popolare durante il mio viaggio, molto probabilmente perché è qualcosa di completamente fuori da ciò che è generalmente raccomandato e di cui sentiamo sempre parlare.

Alcuni anni fa, circa 4-5 anni fa, ho sentito parlare di un protocollo chiamato IF, che sta per Intermittent Fasting, o in portoghese, Intermittent Fasting.

Il digiuno intermittente consiste fondamentalmente in un protocollo in cui mangiamo i nostri pasti per un certo periodo di tempo, ad esempio 8 ore, e il resto della giornata non mangiamo nulla, cioè facciamo un periodo di digiuno.

Questo tema ha suscitato il mio interesse per le ragioni più diverse, cioè per le meraviglie che ha reso possibili, di cui possiamo evidenziare:

  • Mangia molto ad ogni pasto
  • Mangia quello che volevi dopo l'allenamento
  • Crescere e asciugare contemporaneamente

Ovviamente era la mia interpretazione errata della realtà, mentre stavo guardando di nuovo una formula magica che non esiste.

Questo protocollo è diventato sempre più famoso nel tempo, tuttavia, non credete sempre quando sentite cose del genere:

  • "Le calorie non contano finché mangi entro una finestra temporale di 8 ore!"
  • "Il tuo corpo assimilerà tutta la spazzatura che mangi dopo l'allenamento, perché trasformerà tutto in muscoli e non in grasso!"

Nonostante il FI sia un protocollo che ho applicato a molte persone con cui ho lavorato e anche utilizzato per molti anni, concludo quanto segue: non esiste una dieta in cui la finestra temporale si sovrapponga in alcun modo all'apporto calorico giornaliero totale o alla rispettiva divisione dei macronutrienti.

In questo senso, la base di ogni dieta deve essere un apporto calorico adeguato, con macronutrienti opportunamente regolati.

Nel mio caso particolare, ho utilizzato l'IF, con una finestra di 8 ore in cui vengono ingerite calorie e stavo 16 ore al giorno senza mangiare. Questo perché?

  • È molto più facile preparare pochi pasti
  • È più facile contare le macro, essendo più coerente e preciso
  • Impariamo facilmente a controllare il nostro appetito e a sentirci sazi dopo i pasti abbondanti.
  • Teoricamente, alcuni studi sostengono che sarebbe un modo efficace per bruciare il grasso più ostinato. Questo si applicherà solo alle persone con percentuali di grasso molto basse (<10%)

digiuno intermittente

Grandi pasti contro piccoli pasti

Perché preferisco mettere le persone con pasti più abbondanti?

Si tratta di giocare con il budget giornaliero.

Le persone con meno calorie (possibilmente nella fase di taglio) di solito traggono beneficio psicologicamente dal consumo di pasti più abbondanti.

E che dire della semplicità?

La maggior parte delle persone avrà difficoltà a seguire lo stile di bodybuilding da 8 pasti al giorno. Più difficile sarà attenersi a 3-4 pasti al giorno, cercando di raggiungere lo stesso numero di calorie, con gli stessi risultati (almeno).

In fondo, ciò che più sciocca le persone è evitare un pasto al giorno, la colazione.

Ma davvero, questo pasto è davvero così importante?

Facciamo una piccola analogia.

La colazione in inglese si chiama "colazione", pausa significa pausa e digiuno significa digiuno. In questo senso la colazione è il pasto che interrompe il digiuno notturno, cioè questo protocollo non fa che prolungare il digiuno, facendo il primo pasto all'ora di pranzo.

digiuno intermittente

Conclusione

Il numero di pasti al giorno, o il momento in cui vengono ingeriti, non rappresenta un effetto benefico sul risultato finale per quanto riguarda il livello di composizione corporea.

Pertanto, prova a utilizzare le tue preferenze personali per questo scopo.

Crea una routine che si adatti alla tua vita e che ti permetta di utilizzare l'apporto calorico adeguato ai tuoi obiettivi, senza vivere vincolato a orari o numeri ristretti.

Nel mio caso particolare vivo bene con due pasti al giorno, ma non biasimo chi li deve dividere in quattro o cinque, purché questa divisione ti permetta di mantenere rigore e precisione.

In breve, questo protocollo ne vale la pena?

Non è una formula magica, ma in molti casi è una grande risorsa per raggiungere i propri obiettivi senza inutili sacrifici e ottenere ottimi risultati.

Per concludere, ecco alcuni studi interessanti relativi all'argomento.

Studio 1

Questo studio confronta un pasto al giorno con tre pasti al giorno.
Gli individui che consumavano un solo pasto al giorno avevano una diminuzione della massa grassa e del cortisolo.

Studio 2

Questo studio conclude che mangiare sette pasti non aumenta il metabolismo rispetto a mangiare due pasti al giorno.

Studio 3

Questo studio mostra che non ci sono differenze significative nella perdita di grasso tra 3 pasti al giorno e 6 pasti al giorno.

Studio 4

Questo studio mostra che la frequenza dei pasti non aumenta il metabolismo.

Studio 5

Due pasti rispetto a sei pasti, ancora una volta nessuna grande differenza.

Articolo scritto da Team Sik Nutrition

[author image=”https://ginasiovirtual.com/wp-content/uploads/2016/01/logo-sik.jpg” ]Team Sik Nutrition, è un recente gruppo di persone appassionate del mondo del Fitness. L'obiettivo del Team è guidare, educare e motivare coloro che sono interessati a raggiungere i propri obiettivi di salute e fitness/prestazioni. Tutta questa condivisione si basa su fatti scientifici e sull'esperienza dei membri del Team.

Il CEO del Team Sik Nutrition è João Gonçalves. Powerlifter dilettante, appassionato di Fitness e scrittura di articoli.

Facebook Team Sik Nutrition

Sito web di Team Sik Nutrition

[/autore]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_IT
Torna su